Un’operazione del dito a martello a Nizza o a Cap d’Ail

Prima di prevedere un’operazione del dito a martello con il dottor Lopez, bisogna comprenderne le cause e sapere come si può trattarlo per evitare l’operazione.

Che cosa sono le dita a martello?

Si parla di dita a martello quando le dita laterali si deformano in flessione o estensione. Come nell’alluce valgo o nel quintus varus (baionetta), ci sono cause comuni che favoriscono le dita a martello. Queste deformazioni possono essere dolorose perché modificano l’appoggio a terra. Il dito deformato può sfregare contro la scarpa e diventare dolente, con comparsa di calli o duroni.

A livello del dito, esistono 3 articolazioni che possono essere coinvolte nella formazione del dito a martello: la metatarso-falangea (MP), l’inter-falangea prossimale (IPP) e l’inter-falangea distale (IPD).

Da cosa è causata e quali sono i fattori aggravanti?

I muscoli si inseriscono sulle ossa delle dita tramite le loro terminazioni: i tendini. Esistono tendini estensori e tendini flessori. Il piede a martello traduce uno squilibrio tra le forze di questi tendini che deforma il dito attraverso il gioco delle leve ossee. Con il passare del tempo questa deformazione si consolida.

La causa più frequente della deformazione del dito a martello è l’alluce valgo. L’alluce valgo è una deviazione dell’alluce verso il 2° dito. Spinge quest’ultimo e lo sovraccarica meccanicamente: il 2° dito si deforma a martello. Con il passare del tempo, il dito a martello peggiora fino a causare la lussazione dell’articolazione. È preferibile consultare uno specialista delle dita dei piedi prima di arrivare a questo stadio. Nell’alluce valgo evoluto, si osserva spesso una sovrapposizione delle dita (alluce supraductus o infraductus).

Le cause possono essere legate ad un’anomalia tipica del dito interessato, come ad esempio uno scheletro eccessivamente lungo. Si osservano fattori che favoriscono questa condizione come le scarpe troppo corte o con la punta stretta, le scarpe con i tacchi che stringono le dita e le danneggiano. Oltre alle calzature inadatte, alcune forme del piede predispongono alla comparsa delle dita a martello. Ad esempio, se le dita laterali sono più lunghe dell’alluce (piede greco), tenderanno a creare questo problema più facilmente.

Fattori che favoriscono le dita a martello:

Quali sono i sintomi?

I motivi principali che spingono a rivolgersi a un medico sono il dolore, il fastidio alle scarpe o la presenza di calli o tilomi sulle dita. La deformazione del dito provoca un conflitto con la scarpa e uno sfregamento. La pelle sottoposta a queste pressioni si difende e si ispessisce creando uno strato corneo sotto forma di calli sopra il dito, duroni all’estremità delle dita o tiloma tra le dita. Questa pelle chreratosica diventa in breve tempo dolorosa quando si ispessisce e richiede le cure di una pedicure per assottigliarla. Non aspettare a prendere un appuntamento con un chirurgo specializzato in piedi a martello.

Come evolve?

La deformazione delle dita a martello evolve spontaneamente in negativo con l’aumento dei dolori e della difficoltà a mettere delle scarpe. L’evoluzione del piede a martello attraversa diversi stadi.

Nel piede a martello grave, possono comparire complicanze come piaghe o ulcere (piede diabetico +++) o infezioni articolari (artrite) o ossee (osteite). È essenziale consultare rapidamente un chirurgo dei piedi per avviare un trattamento medico ed evitare l’operazione.

Che trattamento si può proporre per il dito a martello?

L’intervento sul dito a martello sarà proposto esclusivamente se il trattamento non chirurgico è fallito:

Se il trattamento medico non è più efficace, vale a dire che tutte le suddette misure non sono più sufficienti ad evitare il dolore e la formazione dei calli, occorre prevedere un intervento chirurgico delle dita a martello. Il tuo chirurgo delle dita a martello potrà fare la diagnosi, proporre un trattamento medico o, se necessario, un trattamento chirurgico.

Come prevenire il piede a martello?

Come detto in precedenza, il piede a martello deve essere curato al più presto possibile. In caso di conflitto con le scarpe o dita a martello incipienti, vale a dire una deformazione senza dolore né conflitto con le scarpe, si può prevenire l’aggravamento con semplici misure preventive:

Qual è l’obiettivo dell’intervento sul dito a martello?

Sapere tutto sull’intervento delle dita a martello, sull’operazione e sul prezzo.

Lo scopo dell’intervento del piede a martello è quello di raddrizzarlo in modo perenne, vale a dire riportarlo in posizione piana e recuperare l’appoggio a terra (contatto pulpare). Non pratichiamo la resezione isolata dei calli, dell’ipercheratosi, dello strato corneo o delle callosità (rischio di fallimento elevato) perché l’obiettivo dell’intervento è trattare la causa e non la conseguenza delle dita a martello. L’obiettivo principale dell’intervento ai piedi a martello è avere un piede non dolente e calzabile. La presenza dei calli (ipercheratosi plantare) scompare in poche settimane modificando le sollecitazioni meccaniche e dimostra che l’intervento è stato efficace.

Ogni piede a martello è particolare e solo una visita specializzata potrà informarti su come affrontarlo. Per conoscere esattamente la natura del trattamento da praticare, il chirurgo dovrà innanzitutto illustrare alcuni elementi durante la visita. La scelta della tecnica e la valutazione degli interventi da eseguire è lasciata al chirurgo in funzione della gravità del danno e della complessità dell’intervento. Le vie di accesso da pochi millimetri ad alcuni centimetri dipendono dalla tecnica utilizzata.

Si ricorda tuttavia che l’intervento delle dita a martello coniuga gesti:

Per arrivare a questo risultato, sono possibili diverse tecniche operatorie come la chirurgia percutanea del piede a martello, la chirurgia mini-invasiva o tecniche più classiche dette “a cielo aperto”. La chirurgia percutanea (micro-incisioni) e quella mini-invasiva sono ampiamente applicate nel trattamento chirurgico. Le procedure chirurgiche eseguite sono le stesse della chirurgia classica, tranne per il fatto che le incisioni praticate sono più piccole. Queste moderne tecniche chirurgiche riducono il dolore postoperatorio e consentono una riabilitazione più rapida per le attività quotidiane.

Come si svolge l’operazione del dito a martello?

Il ricovero in ospedale

L’intervento viene fatto solitamente in regime ambulatoriale il che permette di ridurre la durata del ricovero a un solo giorno. Tuttavia, per motivi diversi, si può prevedere 1 notte di ricovero.

L’anestesia

Dovrai completare la visita anestesiologica obbligatoria con l’anestesista. Al termine di questa visita, l’anestesista ti spiegherà le possibili modalità di anestesia in base alle tue patologie e all’intervento chirurgico previsto. Se necessario, adatterà il tuo trattamento prima e dopo l’intervento e potrà prescriverti degli anticoagulanti, degli antidolorifici, degli antinfiammatori o altro.

Sono possibili diversi tipi di anestesia: anestesia locale o loco-regionale, cioè desensibilizzare solo la gamba, che è la più comune. Anche l’anestesia generale è una soluzione se preferisci dormire.

L’intervento

È importante notare che il chirurgo potrebbe trovarsi ad affrontare una situazione imprevista o insolita che richiede azioni diverse da quelle inizialmente previste. In questo caso il chirurgo spiegherà le difficoltà incontrate e gli interventi effettuati non appena ti sveglierai o tornerai nella tua camera.

Qual è il decorso post-operatorio?

IL CARICO

All’uscita dal blocco operatorio il carico è autorizzato nella maggior parte dei casi, a condizione di indossare la scarpa speciale prescritta durante la visita. Questa scarpa deve essere portata per 2-6 settimane. Passato questo periodo, si possono rimettere le scarpe classiche se il dolore lo consente. Devi sforzarti di camminare con tutto il piede e non solo con il bordo interno. Nei primi giorni possono essere utili delle stampelle per facilitare la deambulazione.

LA MEDICAZIONE

Una medicazione può essere necessaria. In tal caso, la segretaria ti preparerà una ricetta. Negli altri casi, il chirurgo esegue la medicazione del piede nel blocco operatorio che dovrà essere tenuta per 21 giorni. Questa medicazione fa parte integrante del trattamento chirurgico e deve essere tenuta fino alla visita successiva. Può essere tolta o modificata esclusivamente dal chirurgo, anche se fosse macchiata di sangue. Se sei preoccupato per la medicazione, contatta la segreteria, ti riceveremo al più presto. Rifaremo la medicazione per assicurarci che non ci siano problemi. La prima medicazione verrà cambiata da noi durante la visita 21 giorni dopo l’operazione.

L'EDEMA

L’edema non è una complicanza ma un fenomeno comune dopo un’operazione di questo tipo. Per accelerare il riassorbimento, si raccomanda di eseguire impacchi di ghiaccio regolari al piede e di tenerlo sollevato quando inizi a sentire che si gonfia. Servono circa 2 mesi perché l’edema venga riassorbito all’80% e da 6 a 9 mesi perché il piede si sgonfi completamente.

LE CURE A DOMICILIO

Salvo parere contrario del chirurgo, non sono necessarie medicazioni.

I TRATTAMENTI FARMACOLOGICI

A seconda della tua storia medica, delle tue comorbilità e della tua autonomia, l’anestesista può prescrivere un trattamento anticoagulante per iniezione (via sottocutanea) o per via orale (per os). Questo trattamento aiuta a prevenire la comparsa della flebite, cioè la formazione di un coagulo nelle vene.

Si consiglia vivamente di assumere sistematicamente gli antidolorifici prescritti per i 2 giorni successivi all’intervento.

LA FISIOTERAPIA

La fisioterapia non è sistematica, la sua utilità sarà valutata dal chirurgo durante la prima visita post-operatoria. Per accelerare il recupero funzionale e il riassorbimento dell’edema è fondamentale l’auto-riabilitazione. Se necessario, ti verranno prescritte delle sedute di fisioterapia durante la prima visita post-operatoria.

GUIDARE E LAVORARE

Guidare un’auto è vietato per 3 settimane (tranne se si è stati operati al piede sinistro e si guida un’auto con cambio automatico). La durata media dell’interruzione del lavoro è compresa tra 30 e 60 giorni in base all’attività professionale.

LE ATTIVITÀ SPORTIVE

La ripresa del nuoto e del ciclismo è consentita dopo il 1° mese e la ripresa delle altre attività dopo il 2° mese dall’operazione.

L’ASSISTENZA POST-OPERATORIA

Sono necessarie due visite postoperatorie: al 21° giorno e poi 60 giorni dopo l’intervento.

HAI DUBBI?

Al momento dell’operazione, la segretaria ti consegnerà un foglio con le istruzioni e con il numero di cellulare del Dott. Lopez. Per qualsiasi ulteriore domanda o in caso di problemi puoi contattare il medico o la segreteria.

In conclusione

L’operazione dei piedi a martello mira a riallineare le dita e recuperare il contatto con il suolo, eliminare la protuberanza e il conflitto con la scarpa. Nella maggior parte dei casi la procedura chirurgica viene fatta in regime ambulatoriale e il carico è autorizzato immediatamente.

Quali sono le complicanze dell’intervento?

Il seguente elenco di complicanze non è esaustivo, ma vengono menzionate le complicanze più frequenti.

Qualsiasi intervento chirurgico espone a complicanze comuni e specifiche per il tipo di intervento eseguito. Questo rischio varia da individuo a individuo a seconda dell’età, delle co-morbilità (ipertensione, diabete, cattive condizioni della pelle...) e dello stile di vita (fumo, alcol, pratica di un’attività sportiva).

Alcune complicanze possono essere prevenute con semplici misure come:

Complicanze comuni

Complicanze specifiche

FAQ

Che cosa sono le dita a martello?

I muscoli si inseriscono sulle ossa delle dita tramite le loro terminazioni: i tendini. Esistono tendini estensori e tendini flessori. Il piede a martello traduce uno squilibrio tra le forze di questi tendini che deforma il dito attraverso il gioco delle leve ossee. Con il passare del tempo questa deformazione si consolida.

Si parla di dita a martello quando le dita laterali si deformano in flessione o estensione. Queste deformazioni possono essere dolorose perché modificano l’appoggio a terra. Il dito deformato può sfregare contro la scarpa e diventare dolente, con comparsa di calli o duroni.

La causa più frequente della deformazione del dito a martello è l’alluce valgo. L’alluce valgo è una deviazione dell’alluce verso il 2° dito. Spinge quest’ultimo e lo sovraccarica meccanicamente: il 2° dito si deforma a martello. Con il passare del tempo, il dito a martello peggiora fino a causare la lussazione dell’articolazione. È preferibile consultare uno specialista delle dita dei piedi prima di arrivare a questo stadio. Nell’alluce valgo evoluto, si osserva spesso una sovrapposizione delle dita (alluce supraductus o infraductus).

A livello del dito, esistono 3 articolazioni che possono essere coinvolte nella formazione del dito a martello: la metatarso-falangea (MP), l’inter-falangea prossimale (IPP) e l’inter-falangea distale (IPD).

  • Il martello prossimale è la forma più frequente di dito a martello caratterizzata dalla deformazione dell’IPP: la parte prossimale si deforma verso l’alto e quella distale verso il basso. Queste 2 deformazioni prese insieme creano una sorta di angolo che può sfregare e entrare in conflitto con la scarpa formando un callo.
  • Il piede a martello distale tocca l’articolazione IPD e corrisponde unicamente alla flessione della parte distale del dito.
  • Quando i 2 meccanismi sono associati, si parla di martello misto o totale.
Qual è lo specialista giusto per le dita a martello?

In caso di dita a martello, puoi consultare un podologo, il medico curante o un chirurgo specialista. Indipendentemente dallo specialista a cui ti rivolgerai, il trattamento medico e non chirurgico è sempre indicato come prima intenzione. In caso di fallimento e se desideri ottenere un risultato che duri nel tempo, puoi consultare il Dott. Lopez che ti proporrà un intervento alle dita a martello a Nizza (dal 2021, il dottor Lopez non esegue più interventi alle dita a martello a Monaco perché ha cessato la sua attività. Opera esclusivamente alla clinica Saint George di Nizza).

Per i pazienti che vivono sull’“isola della bellezza”, a volte è difficile prendere un appuntamento con un chirurgo specializzato in dita a martello in Corsica. Se non riesci a fissare un appuntamento, il Dott. Lopez potrà riceverti a Nizza o a Cap d’Ail.

Come curare le dita a martello?

I trattamenti per un piede a martello iniziano sempre con un approccio medico:

  • I trattamenti della pedicure bastano ad alleviare le zone dolorose quando le deformazioni sono poco importanti.
  • Adattare le scarpe a queste dita deformate.
  • Massaggiare la pianta del piede stirando le dita e i tendini.
  • Confezione di un’ortoplastica per dita a martello correttiva da parte del podologo o di protezione (in farmacia). Il podologo esegue spesso dei modelli in silicone adatti alla forma del piede.
  • Fisioterapia: lotta contro i fattori che favoriscono questa condizione e permette di conservare la flessibilità delle dita.

Se il trattamento medico non è più efficace, occorre prevedere un intervento chirurgico dei piedi a martello.

Operazione dita a martello?

L’obiettivo principale dell’intervento alle dita a martello è avere un piede non dolente e calzabile. La presenza di calli (ipercheratosi plantare) scompare in poche settimane eliminando il carico eccessivo e il conflitto meccanico. Questa scomparsa dimostra l’efficacia dell’intervento. La chirurgia percutanea (micro-incisioni) e quella mini-invasiva sono ampiamente applicate nel trattamento chirurgico delle dita a martello. Queste moderne tecniche chirurgiche riducono il dolore postoperatorio e consentono una riabilitazione più rapida per le attività quotidiane.

Durante l’intervento delle dita a martello, la scelta della tecnica e la valutazione degli interventi da eseguire è lasciata al chirurgo in funzione della gravità del danno e della complessità dell’intervento. Si eseguiranno operazioni sulle ossa o sulle parti molli come allungamenti dei tendini (tenotomia) e operazioni sulle ossa come fratture (osteotomia), resezioni artroplastiche o artrodesi (fusione chirurgica di un’articolazione). Spesso si usa del materiale come viti o impianti specifici per fissare e stabilizzare i gesti eseguiti.

Quanto dura l’operazione per le dita a martello?

La durata dell’intervento per le dita a martello dipende dalla gravità delle deformazioni e dalla presenza di patologie associate, come ad esempio un alluce valgo o una sindrome di Morton. Il periodo dell’intervento varia da 15 minuti a 2 ore.

Che anestesia viene fatta per operare le dita a martello?

Dovrai completare la visita anestesiologica obbligatoria con l’anestesista. Al termine di questa visita, l’anestesista ti spiegherà le possibili modalità di anestesia in base alle tue patologie e all’intervento chirurgico previsto. Se necessario, adatterà il tuo trattamento prima e dopo l’intervento e potrà prescriverti degli anticoagulanti, degli antidolorifici, degli antinfiammatori o altro.

Sono possibili diversi tipi di anestesia: anestesia locale o loco-regionale, cioè desensibilizzare solo la gamba, che è la più comune. Anche l’anestesia generale è una soluzione se preferisci dormire.

Che dolore si sente durante l’operazione delle dita a martello?

L’intervento per le dita a martello è poco doloroso. Immediatamente dopo l’operazione, il dolore non si sente perché il piede resta addormentato per parecchie ore. Poi gli antalgici prescritti dall’anestesista alleviano il dolore correttamente. Per diminuire i fenomeni dolorosi, è essenziale prendere gli antalgici in modo sistematico il giorno dell’operazione e il giorno dopo. Devi anche fare degli impacchi di ghiaccio regolari al piede operato usando una mattonella di ghiaccio o un sacchetto di piselli surgelati.

Qual è il periodo di immobilità dopo un intervento per dita a martello?

Non è prescritto un periodo di immobilità: puoi camminare immediatamente dopo l’intervento con la scarpa protettiva. In alcuni interventi la scarpa non è obbligatoria, occorre parlarne con il chirurgo prima dell’operazione. L’interruzione dal lavoro varia molto in base all'attività professionale e all’intervento eseguito: da 1 a 8 settimane in media.

Posso guidare dopo un intervento per dita a martello ?

Non esistono controindicazioni chirurgiche alla guida dell’auto. Se ti è permesso camminare, puoi anche premere un pedale senza rischi. Puoi guidare un veicolo a motore quando ti senti in grado di farlo. In caso di incidente grave con danni fisici, potresti non avere diritto all'assicurazione perché si riterrebbe che non eri in possesso di tutte le tue capacità fisiche. Verifica con la tua assicurazione se sei coperto dopo un’operazione di questo tipo.

Si possono operare i 2 piedi contemporaneamente ?

No, non si possono operare i 2 piedi contemporaneamente. Si possono tuttavia operare più dita a martello su uno stesso piede in un’unica operazione. È possibile operare entrambi i piedi a 15 giorni di distanza.

Quanto costa un intervento per dita a martello?

Il prezzo dell’intervento varia a seconda delle condizioni cliniche del paziente e delle procedure da eseguire. La previdenza sociale copre i costi dell’operazione. Il rimborso delle spese per altri onorari dipende dalla propria mutua. Il costo medio a carico dopo il rimborso da parte della mutua è di 300 €.